.
Annunci online

 
LaPetizione 
Le leggi naturali sono inviolabili, quelle sociali sono violabilissime
<%if foto<>"0" then%>
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Sicily Sustainable Tourism
  cerca



*Questo blog è ottimizzato per 
Firefox

Get Firefox!


FIRMA LA TUA PETIZIONE:
Petizione Europea
Petition Online
Petizioni Wwf
Petizioni Legambiente
Petizioni Infolav
No Inceneritori
No al Ponte
Cambia Clima
Stop Amianto
Peer To Peer
Class Action
Seeds Saver
No Banche Armate
Open Software
Informazione Libera
Antenne Selvagge
Contro gli sprechi
Costi di ricarica
Liberare archivio Rai
Stop al canone rai
Cinema senza spot


ISTITUZIONI MONDIALI:

United Nations
Sistem of Organization
UN Volunteers
Unicef
Unesco
Enviroment Programme
Office on Drug and Crime
International Crime Research Institute
International Computing Centre
World Food Programme
World Health Organization
Food and Agricoltural Organization
International Found Agricoltural Development
International Labour Organization
Regional Information Centre
International Atomic Energy Agency
Scientific Committee on Atomic Radiation
International Law Commission
International Justice Court
International Criminal Court
Interpol
Onu Italia
One World


ISTITUZIONI EUROPEE:
Europe and United Nations
Unione Europea
Parlamento
Commissione
Consiglio
Diritto
Europol
Rappresentanza italiana in UE


BLOG.ILCANNOCCHIALE.IT
Aegaion
Andreaspinelli
Eye
Garbo
Giugioni
Iguanablu
Irlanda
Let_it_be
Luigirossi
Mancinoedestro
Paolobongiorno
Poveromediterraneo
Rosamanauzzi
Santaopposizione
Senzabavaglio
Shamal
Triton
Unmilionediragioni


BLOG:
Piero Ricca
Beppe Grillo
Antonio Di Pietro
Carlo Lucarelli
Sandro Ruotolo
BlogGoverno
Blog sul Petrolio
 Nuke
 Beppone
Svolte Epocali
Greenhouseffect
Ammazzateci Tutti
Lettere Persiane
Blog di Partinico
Morgan Palmas
Luca Lodi
Terzoocchio
Informatieinformali


INFORMAZIONE:
Commissione Europea
Parlamento Europeo
Informazione e Documentazione Europea
Centri di Documentazione Europea
Internazionale
Wikipedia
Disinformazione
LuogoComune
LaNuovaEcologia
Nanodiagnostics
LaVoce
Report
RaiNews24
Avvisatore
IsolaPossibile
Indymedia
Unimondo
Canisciolti
Megachip
Helpconsumatori
PuntoInformatico
Peacelink
Arcoiris
Democrazialegalita
Ifatti
Aprileonline
Ecoradio
Uccidetelademocrazia


CONTRO TUTTE LE MAFIE:


Libera


SosteniamoSaviano



AddioPizzo



FondazioneFalcone


Libera
LiberaTerra
Peppino Impastato
Centro Impastato
Fondazione Falcone
Addio Pizzo
Sosteniamo Saviano
Progetto Legalità
Studenti Contro Mafie
Contra Camorra
Antimafiaduemila
Avviso Pubblico
Cuntrastamu
Osservatorio Camorra
Città nuove Corleone
Narco Mafie
Giro di Vite
Bernardo Provenzano


CONTRO TUTTE LE GUERRE:



Stop The Nato
Stop Cluster Munitions
Campagna Mine
Control Arms
Disarmo


AMBIENTE:



UN Enviroment Programme
Convention on Climate Change
Panel on Climate Change
European Enviroment Agency
European Enviroment Information
Sustainable Europe
Energo Club
Greenpeace
Wwf - Il Panda
Biodiversità
Fonte Verde
Inceneritori
Offshore No Grazie
Atomic Energy Agency
Effects of Atomic Radiation
Capitano Ultimo
Ambiente
Cartaecartone
Parks
Kloben
EcoDomus
Pannelli Solari
Ecoage
Costruzioni Solari
Il Portale del Sole
Se-project
Energia Eolica
Archivio Nucleare
Comieco
Il Sole a 360 gradi
Lifegate
Ambientenergia
Vigilanza Ambientale
Impatto Zero
Eolica


VIDEO DA VEDERE:
Nanopatologie (1.33.21)
Save the Forest (2.20)
Russian Climbing (8.23)
Crazy Student (0.38)
Orso Ballerino (1.00)
Only in India (1.06)
Crazy Dog (0.41)
4 Gemellini divertiti (1.09)
Baby Celtic Dance (0.58)


Join the FON movement!


Come disse M.L.King:
Non temo la cattiveria dei malvagi ma il silenzio degli onesti


Come disse il Buddha:
Non credete a ciò che avete udito.
Non credete alle tradizioni
solo perché sono state
tramandate per generazioni.
N
on credete in qualcosa solo perché ne è corsa voce o molti
ne hanno parlato.
Non credete semplicemente perché
vi viene citata un'affermazione scritta di un qualche antico saggio.
Non credete nelle congetture.

Non credete in ciò che considerate vero perché vi ci siete attaccati
per abitudine.
Non credete semplicemente all'autorità dei vostri maestri
e degli anziani.
Dopo osservazione ed analisi, quando la verità che avete trovato si accorda con la ragione e contribuisce al bene ed al miglioramento di ognuno,
allora accettatela,
praticatela
e vivete secondo essa.




Nucleo Operativo Ecologico
Ribellati, chiama
800-253608
ogni volta che vedi
un abuso ambientale.






BlogGoverno


Basta! Parlamento pulito


Locations of visitors to this page


 


BlogItalia.it - La directory italiana dei blog


 

Diario | Attualità | Ridere | Piangere | Petizioni | Sicilia | Ambiente | Foto |
 
Diario
1visite.

11 marzo 2008

La pena occidentale oggi

Per David Garland, docente di sociologia giuridica a New York "La pena, anche se amministrata umanamente e in modo efficace, contiene in se un paradosso e una contraddizione morale, quando difende la libertà negandola, e quando condanna la violenza privata usando quella pubblica legalmente autorizzata."

La funzione primaria e imprescindibile che la pena ha da sempre ricoperto è quella di legittimare e rafforzare l'ordine costituito. Questa considerazione che spesso tende ad essere sottaciuta può sembrare scontata, ma tuttavia merita un approfondimento perché è proprio grazie alla pena, o meglio al diritto penale in generale che la società si costruisce. Il diritto penale è il fattore che pi ù condiziona la mente degli assoggettati, cioè tutti (o quasi). Importanti storici e sociologi marxisti come Hay, sostengono che il diritto penale inglese del '700 era lo strumento utilizzato dalla classe egemone per affermare il proprio dominio sulle classi subalterne, Ma è soprattutto Foucault a vedere la pena e tutto ciò che gli ruota intorno come una strategia di dominio e di controllo sociale studiata a tavolino dai potenti per assoggettare i più deboli.

Secondo il mio punto di vista, anche se oggi la divisione in classi risulta più sfumata, resta la divisione razziale e la divisione morale.
Riguardo al fattore razziale, recente è la legge Bossi-Fini sull'immigrazione: questa norma liberticida crea dal nulla un reato. Da un giorno all'altro l'immigrazione diventa reato e il clandestino un pericoloso criminale. Tale normativa, sommata alle pratiche dei centri di permanenza temporanei, rende precaria la vita di milioni di persone sulla base di considerazioni razziali, o "etniche" per usare un termine più politicamente corretto. Il clandestino che commette un reato in Italia prima sconta la pena nel nostro territorio, e poi viene rimpatriato nel suo paese di origine. L'immigrato clandestino è perciò un precario sia in carcere che in un CPT.
Riguardo al fattore morale assistiamo invece alla criminalizzazione di molti comportamenti non violenti, come può essere lo spaccio o il consumo di sostanze stupefacenti. Questi soggetti, che obbiettivamente sono dei poveracci, vengono incapacitati e neutralizzati in nome di una morale dominante totale e totalizzante. Anzi spesso accade che anche i malati di mente finiscano in cella.
Il risultato di queste politiche è un sovraffollamento inumano e degradante, ed inoltre si dissolve la tanto famosa funzione rieducativa e di reinserimento che da quando è scritta nella costituzione riempie le bocche degli operatori penitenziari. Siamo tutti d'accordo nel sostenere che la pena debba avere una funzione rieducativa, ma come si può sostenere che sia proprio il carcere a realizzare questa funzione? In realtà è difficile ritenere che la stessa istituzione che "contiene" i criminali possa anche rieducarli. Un individuo che è stato rifiutato dalla società ed internato non accetterà mai una rieducazione da parte della stessa società ed un reinserimento nella stessa.
E poi come si può rieducare una persona che non conosce la lingua dell'educatore? E soprattutto come si può rieducare se è l'educatore per primo che ha bisogno di essere educato?
Tuttavia la funzione rieducativa sfuma anche per tutti i detenuti non definitivi, cioè per tutti quelli che aspettano il giudizio del grado successivo, perché rieducare costa e quindi si cercano tutti i modi utili per risparmiare anche sull'educazione.

Per me la pena detentiva dev'essere l'extrema ratio e non come avviene ora il sistema ordinario di punizione e rieducazione dei "deviati".

1 marzo 2008

Ripensamenti

Fino a pochissimi giorni fa ero convinto che la detenzione in carcere fosse il rimedio più opportuno per mafiosi, pedofili, ladri, assassini, politici corrotti (tutti nel caso italiano), stupraturi.... ma dopo aver letto tre fantastici testi universitari (Pena e società moderna - David Garland; Carcere e globalizzazione - Lucia Re; La società della prevenzione - Tamara Pitch) per l'esame di sociologia giuridica, mi sono reso conto che la società attuale dovrebbe e potrebbe essere molto più evoluta quando vuole punire uno dei suoi membri. Nell'ultimo post scrivevo senza minimamente esagerare che il posto più adatto ai politicanti fosse una cella 3X3, ma oggi devo assulutamente ricredermi.La detenzione neutralizza, annienta le persone, le incapacita per sempre. La maggior parte delle volte è progettata in base a standar che scoraggerebbero pure una persona senza cibo e senza casa. Oltre a contenere il fisico, questa agisce anche e soprattutto sull'anima. Tuttavia resta la pena più diffusa nella società occidentale moderna, ed oggi gli USA hanno più detenuti che il Brasile o il Sud Africa sotto l'Apartheid. Pensate che oggi il tasso di detenzione medio nell'Europa a 27 si attesta intorno ai 110 detenuti ogni 100.000 abitanti, mentre in USA 726 cittadini (soprattutto giovani maschi di colore per condanne relative a stupefacenti) ogni 100.000 si trovano in stato di detenzione.
Questa è la situazione ufficiale. Ma c'è di più: oltre ai CPT (Centro di permanenza temporanea) nostrani, ci sono delle strutture simili anche in Kenya, dove migliaia di persone sono detenute per volere dei capi di stato occidentali senza un preventivo controllo giurisdizionale.

Su questi temi tornerò presto. E' stato l'esame che più mi ha aperto la mente in assoluto.

sfoglia
febbraio        luglio