.
Annunci online

 
LaPetizione 
Le leggi naturali sono inviolabili, quelle sociali sono violabilissime
<%if foto<>"0" then%>
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Sicily Sustainable Tourism
  cerca



*Questo blog è ottimizzato per 
Firefox

Get Firefox!


FIRMA LA TUA PETIZIONE:
Petizione Europea
Petition Online
Petizioni Wwf
Petizioni Legambiente
Petizioni Infolav
No Inceneritori
No al Ponte
Cambia Clima
Stop Amianto
Peer To Peer
Class Action
Seeds Saver
No Banche Armate
Open Software
Informazione Libera
Antenne Selvagge
Contro gli sprechi
Costi di ricarica
Liberare archivio Rai
Stop al canone rai
Cinema senza spot


ISTITUZIONI MONDIALI:

United Nations
Sistem of Organization
UN Volunteers
Unicef
Unesco
Enviroment Programme
Office on Drug and Crime
International Crime Research Institute
International Computing Centre
World Food Programme
World Health Organization
Food and Agricoltural Organization
International Found Agricoltural Development
International Labour Organization
Regional Information Centre
International Atomic Energy Agency
Scientific Committee on Atomic Radiation
International Law Commission
International Justice Court
International Criminal Court
Interpol
Onu Italia
One World


ISTITUZIONI EUROPEE:
Europe and United Nations
Unione Europea
Parlamento
Commissione
Consiglio
Diritto
Europol
Rappresentanza italiana in UE


BLOG.ILCANNOCCHIALE.IT
Aegaion
Andreaspinelli
Eye
Garbo
Giugioni
Iguanablu
Irlanda
Let_it_be
Luigirossi
Mancinoedestro
Paolobongiorno
Poveromediterraneo
Rosamanauzzi
Santaopposizione
Senzabavaglio
Shamal
Triton
Unmilionediragioni


BLOG:
Piero Ricca
Beppe Grillo
Antonio Di Pietro
Carlo Lucarelli
Sandro Ruotolo
BlogGoverno
Blog sul Petrolio
 Nuke
 Beppone
Svolte Epocali
Greenhouseffect
Ammazzateci Tutti
Lettere Persiane
Blog di Partinico
Morgan Palmas
Luca Lodi
Terzoocchio
Informatieinformali


INFORMAZIONE:
Commissione Europea
Parlamento Europeo
Informazione e Documentazione Europea
Centri di Documentazione Europea
Internazionale
Wikipedia
Disinformazione
LuogoComune
LaNuovaEcologia
Nanodiagnostics
LaVoce
Report
RaiNews24
Avvisatore
IsolaPossibile
Indymedia
Unimondo
Canisciolti
Megachip
Helpconsumatori
PuntoInformatico
Peacelink
Arcoiris
Democrazialegalita
Ifatti
Aprileonline
Ecoradio
Uccidetelademocrazia


CONTRO TUTTE LE MAFIE:


Libera


SosteniamoSaviano



AddioPizzo



FondazioneFalcone


Libera
LiberaTerra
Peppino Impastato
Centro Impastato
Fondazione Falcone
Addio Pizzo
Sosteniamo Saviano
Progetto Legalità
Studenti Contro Mafie
Contra Camorra
Antimafiaduemila
Avviso Pubblico
Cuntrastamu
Osservatorio Camorra
Città nuove Corleone
Narco Mafie
Giro di Vite
Bernardo Provenzano


CONTRO TUTTE LE GUERRE:



Stop The Nato
Stop Cluster Munitions
Campagna Mine
Control Arms
Disarmo


AMBIENTE:



UN Enviroment Programme
Convention on Climate Change
Panel on Climate Change
European Enviroment Agency
European Enviroment Information
Sustainable Europe
Energo Club
Greenpeace
Wwf - Il Panda
Biodiversità
Fonte Verde
Inceneritori
Offshore No Grazie
Atomic Energy Agency
Effects of Atomic Radiation
Capitano Ultimo
Ambiente
Cartaecartone
Parks
Kloben
EcoDomus
Pannelli Solari
Ecoage
Costruzioni Solari
Il Portale del Sole
Se-project
Energia Eolica
Archivio Nucleare
Comieco
Il Sole a 360 gradi
Lifegate
Ambientenergia
Vigilanza Ambientale
Impatto Zero
Eolica


VIDEO DA VEDERE:
Nanopatologie (1.33.21)
Save the Forest (2.20)
Russian Climbing (8.23)
Crazy Student (0.38)
Orso Ballerino (1.00)
Only in India (1.06)
Crazy Dog (0.41)
4 Gemellini divertiti (1.09)
Baby Celtic Dance (0.58)


Join the FON movement!


Come disse M.L.King:
Non temo la cattiveria dei malvagi ma il silenzio degli onesti


Come disse il Buddha:
Non credete a ciò che avete udito.
Non credete alle tradizioni
solo perché sono state
tramandate per generazioni.
N
on credete in qualcosa solo perché ne è corsa voce o molti
ne hanno parlato.
Non credete semplicemente perché
vi viene citata un'affermazione scritta di un qualche antico saggio.
Non credete nelle congetture.

Non credete in ciò che considerate vero perché vi ci siete attaccati
per abitudine.
Non credete semplicemente all'autorità dei vostri maestri
e degli anziani.
Dopo osservazione ed analisi, quando la verità che avete trovato si accorda con la ragione e contribuisce al bene ed al miglioramento di ognuno,
allora accettatela,
praticatela
e vivete secondo essa.




Nucleo Operativo Ecologico
Ribellati, chiama
800-253608
ogni volta che vedi
un abuso ambientale.






BlogGoverno


Basta! Parlamento pulito


Locations of visitors to this page


 


BlogItalia.it - La directory italiana dei blog


 

Diario | Attualità | Ridere | Piangere | Petizioni | Sicilia | Ambiente | Foto |
 
Attualità
1visite.

18 luglio 2008

Siamo tutti Pino Maniaci

Pino Maniaci è un eroe. Da anni conduce un Tg davvero indipendente che ha la sede a Partinico (PA) ma che viene trasmesso anche nei comuni vicini nonché su internet all'indirizzo www.telejato.it

Tempo fa era stato vittima di un'aggressione da parte di un piccolo mafioso di Partinico appartenente alla famiglia dei Vitale. Il mafioncello, appena diciassettenne, insieme ad un amico lo ha violentemente malmenato , ma Pino Maniaci, essendo un uomo con le palle, non si è lasciato intimidire più di tanto e ha continuato a condurre il tg con un occhio tumefatto come se niente fosse.

Da quel giorno vive sotto scorta, evidentemente la verità non piace in un piccolo centro siciliano quale è Partinico (lo stesso vale per gli altri paesi), non è ammissibile coinvolgere i cittadini sui temi della tutela ambientale o sui rapporti che ormai da secoli legano persone apparentemente oneste e per bene con i mafiosi assassini.

Ma questo non è tutto. Infatti ieri sera qualcuno ha dato alle fiamme la sua auto che si trovava parcheggiata a pochi metri dalla redazione di www.telejato.it probabilmente perché nelle scorse puntate aveva fatto semplicemente fatto i nomi di Nicolò Salto e Filippo Nania: personaggi che dovrebbero aver scontato una pena detentiva per associazione mafiosa, e quindi dovrebbero essere state rieducate e reinserite nella società civile, ma chissà...

26 luglio 2006

Pozzi neri? No grazie.



Scusate la mia prolungata assenza, ma ora sono nel posto più bello del mondo (Sicilia) che purtroppo è devastato dai "cittadini" siciliani se così li possiamo chiamare.
Il mio interesse per questa piaga sociale viene stimolato dal fatto che a anche a casa mia le cose non vanno un granchè bene: l'acqua del rubinetto puzza, mentre guardo il mare dalla mia veranda sento puzza di fogna, e l'anno scorso un'ordinanza comunale ha fatto piazzare una bella bandiera nera sulla spiaggia davanti casa mia da agosto in poi (non per il mare agitato).
Mi piacerebbe occuparmi di ecologia, ma purtroppo in questo paese tanto arretrato, sono costretto ad occuparmi di crimini e di criminali.

Ci sono direttive comunitarie e leggine statali che vietano qualsiasi tipo di scarico diretto di acqua nel suolo o sottosuolo, ma ad Alcamo marina, e spero solo in questo posto tanto disgraziato, l'amministrazione comunale e molti cittadini sembrano infischiarsene. In molte delle migliaia di abitazioni indicate dalle frecce, che solitamente sono abitate escusivamente nei mesi estivi, la situazione è tanto drammatica che quasi mi vergogno di mettervi al corrente. Quasi tutte queste case sono state costruite in modo abusivo, e quindi senza preoccuparsi troppo delle regole, ora purtroppo sono state tutte condonate o sanate, ma solo dal punto di vista fiscale. Tutte queste case non sono allacciate alla rete fognaria (perchè non esiste), e l'acquedotto è riservato ai soli locali pubblici. Ogni povero cristo si arrangia come può: i più attivi e civili (pochissimi) hanno due cisterne ermetiche, una per le acque nere, e una per le acque bianche che vengono spurgate e riempite da autobotti; i più terroni (la maggioranza) scavano nel sottosuolo dei pozzi a perdere davanti o sotto le loro case in cui scaricano l'acqua nera e prelevano l'acqua per il consumo domestico. Questi poveracci prima scaricano merda, detersivi, oli... sotto la loro casa, e poi usano la stessa acqua prelevata in un altro pozzo qualche metro più in là. Tutto questo a pochi passi dal litorale. Sembrerebbe quasi un'attività all'insegna del risparmio e del riuso, ma lo è davvero? Di soldi se ne risparmiano abbastanza, e la salute? La situazione non si può assolutamente digerire. E' uno schifo.
E pensare che la Commissione europea aveva già bacchettato da un bel pezzo il nostro paese, perchè non tutelava buona parte del territorio e forniva spesso informazioni insufficenti o addirittura le ometteva. E' anche vero che molti principi contenuti nella direttiva 2000/60/CE fanno già parte della legislazione italiana, ma purtroppo almeno nel posto in cui vivo, che sembra dimenticato da tutti, di questi principi non c'è traccia.
 
In Europa, la situazione è più rosea per i cittadini di Danimarca, Lussemburgo, Paesi Bassi, Finlandia e Svezia, perchè i rispettivi governi hanno deciso di applicare un trattamento rigoroso delle acque reflue su tutto il loro territorio. Ciò vuol dire che ogni singolo cittadino di detti Stati sarà soggetto a obblighi ben precisi. In Italia, paese governato da mafiosi e indagati (che in queste ore discutono di indulto), la situazione è meno rosea, infatti il nostro paese, insieme a Grecia, Spagna, Portogallo, Irlanda e Austria, ha deciso di trattare in modo rigoroso meno del 10% del territorio (almeno fino al '98).
 
E' troppo presto per capire che l'acqua, l'aria, la natura in genere, è un bene collettivo e non può essere nè sfruttato, nè adattato alle nostre stupide attività? Se non ci muoviamo ora saranno i nostri figli a pagare per noi. Sempre che riusciamo a evitare di contrarre qualche malattia mortale.
 




permalink | inviato da il 26/7/2006 alle 1:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa

3 luglio 2006

Andreotti come non lo avete mai visto.

Questo video non può essere ignorato: lo zio giulio che risponde alle domande a brucia pelo di Piero Ricca. Dura solo 4 minuti e fa rabbrividire al pensiero che questa merda umana ci ha governato (insieme ai mafiosi) per anni e anni, e oggi, grazie alla prescrizione ha ancora il culo incollato alle poltrone del potere. Durante la visione se vi scappa da ridere vi consiglio di pensare ad andreotti presidente del Senato, come proposto da casini e letta.

Qui il video. Buona visione  




permalink | inviato da il 3/7/2006 alle 1:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa

9 giugno 2006

Tale padre tale figlio

                                                   

Ma vi pare normale che per tutti questi anni hanno lasciato indisturbato il figlio di un grandissimo mafioso quale Vito Ciancimino? Insomma, sono tutti felici e contenti perché è stato catturato (dicono che abbia contribuito anche un pizzino di Provenzano), ma nessuno si incazza per il fatto che per molti anni ha agito in modo indiscriminato, se non con le spalle coperte. E’ stato libero di spendere e investire tutti quei soldi insanguinati che tutta la combriccola (Vito Ciancimino e Salvo Lima, con l’ausilio del vecchio zio Giulio) ha ottenuto alla faccia di tutte le persone che almeno ci provano ad essere oneste. La maxi operazione messa in atto dalla combriccola e che ha distrutto buona parte del volto della Sicilia, si chiamava
"Il sacco di Palermo".

 

Non è che il figlio diventa colpevole per il solo comportamento mafioso del padre, ma vuoi che non ci sia una grande e giusta presunzione di colpevolezza nei suoi confronti? Se poi pensiamo che quando il padre fu arrestato non ha mai restituito tutti i soldi…

 
Ps. con tutti i pizzini di Provenzano vi sembra normale che abbiano arrestato solo il figlio di un mafioso di vecchia data?




permalink | inviato da il 9/6/2006 alle 16:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa

13 maggio 2006

Non c'è niente da ridere



Un tecnico dell’eni, Vito Macrina, è stato
rapito in Nigeria. Purtroppo è già stato liberato e si appresta a ritornare in Italia. Tutti sono felici che il dipendente di una nota azienda tanto pubblicizzata sia stato liberato da quegli uomini neri che vivono a sud del mondo, ma forse in pochi sanno che la suddetta azienda tanto pubblicizzata da anni rompe i coglioni a tutto il mondo, ma soprattutto agli stati del sud. Fondamentalmente un rapimento mi sembra il minimo che possa succedere. Il capo di una comunità locale nigeriana ha chiesto 1.800.000 euro di riscatto a titolo di risarcimento di tutti quei danni ambientali che ha causato e che continua a causare la posa di un oleodotto italiano da parte di questa azienda criminale. Forse molti di voi penseranno che in realtà gli uomini neri non capiscono niente di tutela ambientale, e quindi in realtà vogliono solo lucrare su una risorsa tanto remunerativa come il petrolio, e allora che dire di questo incendio di dimensioni eccezionali ai danni di un oleodotto straniero che da anni pompa petrolio nigeriano? Per me la chiave di lettura alla triste vicenda è una: gli uomini neri si sono rotti i coglioni di essere colonizzati commercialmente dai paesi occidentali, e la colpa è solo nostra. Siamo noi che consumiamo tutto quel petrolio! Davanti a questo dato di fatto preferisco che il petrolio venga bruciato fino all’ultima goccia dai legittimi proprietari: i nigeriani.




permalink | inviato da il 13/5/2006 alle 12:12 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (11) | Versione per la stampa

11 maggio 2006

La comunità internazionale è in rivolta

Che la situazione internazionale lascia un po’ a desiderare ce ne siamo accorti tutti, ma la notizia di questi giorni è davvero inquietante. L'Onu ha rinnovato il suo Consiglio dei diritti dell'Uomo, ma... Con un po’ di angoscia apprendo che la situazione era già degenerata da qualche tempo, nel senso che già lo scorso Consiglio comprendeva molti stati che in prima persona non rispettano i diritti umani, come la Cina, Cuba e la Tunisia. La cosa preoccupante è che gli stessi stati (Cina, Cuba, Arabia Saudita, Tunisia e Pakistan) sono stati rieletti dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite. Alla Cina sarebbero bastati 96 voti, ma invece ne ha presi 146.

 

Non vi pare anche a voi che questo sia un evidente segno di protesta della comunità internazionale contro la dittatura occidentale? Insomma, l’Organizzazione delle Nazioni Unite è l’organismo più esteso al mondo, ne fanno parte ben 191 paesi, e molti di questi sembra che si stiano ribellando contro il tiranno Bush (che non si è nemmeno candidato per un seggio al Consiglio). Un organismo come l’ONU potrebbe risolvere molti problemi mondiali, ma purtroppo il potere è detenuto dai paesi originari (Cina, Unione Sovietica, Francia, Regno Unito e Stati Uniti) che fanno di tutto per ostacolare lo sviluppo dei paesi più deboli.

Oggi non ha più senso dare questo enorme potere a 5 nazioni. Ogni nazione dovrebbe avere un peso uguale alle altre, o quanto meno in proporzione al numero di abitanti e le decisioni dell’organo dovrebbero essere vincolanti per gli stati membri.

 

Perché gli stati che si ritengono ”civili” non cedono un po' di sovranità in favore di quei principi su cui si fonda un organismo come l’ONU, che hanno creato e sottoscritto?




permalink | inviato da il 11/5/2006 alle 10:46 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa

9 maggio 2006

Un post finchè giustizia sarà fatta



E' da più di sei mesi che Federico Aldrovandi se nè andato. La vicenda è molto oscura, e ad una prima e superficiale lettura si potrebbe dire che era solo un tossico morto a causa della sua droga. Una seconda e più approfondita lettura della vicenda, rivela che in realtà il corpo di questo normalissimo giovane fermato da quattro agenti della polizia era visibilmente provato, tanto da far immaginare una relazione tra intervento degli agenti e morte. La mamma ha deciso di scrivere su un
Blog su questa triste storia. Grazie a questa signora c'è stata una mobilitazione nazionale della società civile e non, che ha portato all'iscrizione nel registro degli indagati i quattro agenti coinvolti. Questi agenti sono accusati di omicidio preterintenzionale, ma alle domande del Pm si sono comportati come si è comportato il famoso latitante Bernardo Provenzano: non hanno detto una parola! Mi sforzo di credere che siano in buona fede, ma se il braccio operativo della giustizia (polizia) non collabbora con il Pm allora qualche sospetto sulla loro integrità sorge spontaneo.

More info:
chilhavisto.rai.it
anarcotico.net
senzabavaglio.ilcannocchiale.it




permalink | inviato da il 9/5/2006 alle 12:42 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa

3 maggio 2006

Il potere temporale non esiste?

Ricordate cosa è successo qualche giorno fa? Non ho potuto fare a meno di pensare a questo per tutto il tempo. Guardando casualmente la tv, mi è sembrato di vedere tante ferrari in Piazza San Pietro. Di solito ci sono solo le auto dei preti, vescivi e cardinali da migliaia di euro, come mercedes, audi e alfa, ma quel giorno oltre alle solite c’erano anche delle auto da milioni di euro. Ma vi rendete conto? Delle ferrari. Macchine, anzi stufe, che hanno dei costi di produzione altissimi e un impatto ambientale da non sottovalutare. Perché il Papa invece di elogiare questi sprechi e questi spreconi non dice effettivamente come stanno le cose? Il valore di ogni stupida macchina come questa potrebbe sollevare l’economia di interi Stati. Che assurdità. Spero che almeno i singoli cattolici si rendano conto di quello che sta succedendo.




permalink | inviato da il 3/5/2006 alle 20:59 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa

15 marzo 2006

Dalla parte di Massimo Grillo



Massimo Grillo è un nostro dipendente di cui sembra ci si possa fidare. Da anni si impegna a favore della legalità, e oggi è addirittura da ritenersi un ex dell' Udc siciliana perchè è stato messo alla porta da quel settore dell' Udc che appoggia Il dipendente/delinquente Cuffarò (Casini compreso), più comunemente conosciuto come "Lu 'zu vasa vasa". Ha rifiutato un posto sicuro al Senato perchè sarebbe stato inserito nella stessa lista di Cuffaro che è sotto processo per favoreggiamento aggravato a cosa nostra. Dopo questo bruttto episodio è logico ritenere che ad alcuni non piaceva l'idea che qualcuno all'interno del partito la potesse pensare diversamente da Cuffaro. La cosa più bella di tutta la storia è che Massimo Grillo si è lasciato l' Udc alle spalle per schierarsi con Rita Borsellino, simbolo della lotta alla mafia
.

Leggi l'intervista completa su: Unità o isolapossibile.it




permalink | inviato da il 15/3/2006 alle 17:42 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa

15 marzo 2006

Vi ruberà solo qualche minuto

Questo merita davvero tanto. Leggere è obbligatorio per tutti quelli che vogliono sapere di più sui nostri dipendenti/delinquenti.




permalink | inviato da il 15/3/2006 alle 15:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa

13 marzo 2006

Solo una mia considerazione

Anni fa Indro Montanelli diceva di "Turarsi il naso e votare DC" perchè allora il partito fondato nel 1942, era considerato dal famoso giornalista il male minore. Analizzando questa frase nell'era di internet e dei blog, e visti i risultati deprimenti del partito in questione, mi viene da vomitare.
Cambiare stile di vita, fare investimenti coerenti con i propri ideali, scrivere un post convincente sul proprio blog, firmare una petizione online, votare ad un sondaggio online, sono delle azioni che da sole o sommate possono tranquillamente essere più efficaci di un voto dentro l'urna. Mi sembra banale dire genericamente che chi non vota vanifica gli sforzi dei nostri predecessori che hanno perso la vita per ottenere il diritto di voto. Oggi abbiamo bisogno di cittadini con il naso e la mente liberi e non turati. Quindi vi invito a votare solo se il prescelto non sia il male minore. Un conto è sperare che vinca il male minore, un altro è votare per il male minore. Minore o maggiore è pur sempre un male. Spero che la foto sotto renda l'idea.




permalink | inviato da il 13/3/2006 alle 16:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa

13 marzo 2006

Provocazione? Mica tanto...





permalink | inviato da il 13/3/2006 alle 14:56 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa

16 febbraio 2006

Giornata del risparmio energetico

Oggi è la giornata del risparmio energetico, sinceramente mi auguro che oggi sia solo l'inizio di una vita all'insegna della sobrietà.

Purtroppo questa iniziativa la dobbiamo a
Caterpillar, un programma radiofonico di radio 2, e non al ministero dell'ambiente che è evidentemente colluso con i piromani dell'energia (parola usata da Beppe Grillo per descrivere quei criminali che continuano a produrre energia bruciando idrocarburi)...

Non so voi, ma io sono sicuro che oggi, con un po' di impegno faremo tremare l'impero monopolistico dell'enel.

Sempre a proposito di risparmio energetico e
Beppe Grillo, voglio segnalarvi un'intervista trovata su Lifegate al consulente energetico del blogger più famoso d'Italia. Vi assicuro che merita di essere letta fino in fondo.




permalink | inviato da il 16/2/2006 alle 11:8 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (12) | Versione per la stampa

13 febbraio 2006

News sull' energia e sull' alimentazione



Dopo un weekend di totale astinenza dal web, ho trovato due novità abbastanza interessanti che vi linko subito.

La prima che rigurda le fonti energetiche: la Svezia sarà indipendente dal petrolio entro i prossimi 15 anni.

La seconda che riguarda l'aviaria: le dichiarazioni dell'assessore alla sanità siciliana Pistorio, Cuffaro dice che mangerà pollo... speriamo bene, magari questa è la volta buona!




permalink | inviato da il 13/2/2006 alle 14:40 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa

9 febbraio 2006

Sempre le stesse storie...



In un mondo in cui Pisanu non viene censurato, gli ex magistrati non possono diventare politici, e nel frattempo, i condannati in via definitiva amministrano, gestiscono, meritano... vi invito a leggere questo interessante articolo su
Promiseland.




permalink | inviato da il 9/2/2006 alle 11:16 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

8 febbraio 2006

Succede in Svezia

Avreste mai immaginato che un musicista di 93 anni scrivesse un blog?




permalink | inviato da il 8/2/2006 alle 16:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa

8 febbraio 2006

Un cappuccino per un pc

A proposito di investimenti...sapevate che con il costo di un cappuccino al giorno (1€) potete acquistare un portatile usufruendo di un finanziamento agevolato. L'ho saputo leggendo questo blog.




permalink | inviato da il 8/2/2006 alle 15:13 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

31 gennaio 2006

Risparmio etico e segreto bancario

Da qualche tempo a questa parte sono diventato un acerrimo nemico delle banche e dei banchieri che le dominano. Le ultime notizie a riguardo, non hanno fatto altro che confermare la mia tesi, e cioè che le banche tradizionali sottraggono al circuito democratico il suo stesso motore, ovvero i quattrini. Penso che Beppe Grillo abbia ragione quando dice che il vero voto non lo esprimiamo nei seggi elettorali, ma nei supermercati; ma se tutti i nostri risparmi sono nelle mani di gentaglia senza scrupoli, allora diventa veramente difficile controllare le loro operazioni finanziarie, e come se non bastasse sono pure coperti dal segreto bancario. Io pretendo di avere la certezza che i miei risparmi non vadano a finanziare imprese poco corrette o addirittura organizzazioni malavitose. Immaginate come dovrebbe sentirsi un pacifista convinto quando dopo anni e anni di sacrifici, scopre che i suoi risparmi sono stati utilizzati per finanziare un'industria di armi...

L'alternativa a questo meccanismo antidemocratico è la "Banca Etica" che sancisce il primato della persona rispetto a quello del capitale finanziario. E quindi il meccanismo di decisione è nettamente più democratico rispetto al solito, infatti è il risparmiatore che decide cosa finanzierà con i suoi risparmi.  
Con l'introduzione della democrazia nel settore del credito, si potrebbero risolvere tanti problemi, o quanto meno non se ne causerebbero di nuovi.

Lasciare la situazione invariata, oltre che antidemocratico è pure stupido, perchè a guadagnarci sono sempre e solo loro: banchieri e politici corrotti.
Secondo voi, ma se anche la Banca d'Italia, che dovrabbe vigilare, ruba, vi sembra possibile che le altre banche si comportino onestamente e stiano a guardare gli impicci del "vigilante"???

Mi auguro che dopo gli ultimi fatti, qualcuno che non sia un comico, faccia qualche seria proposta di riforma, altrimenti vi garantisco che i miei risparmi non li avranno mai.

Ps. avete mai pensato che pagare una bolletta o una tassa, prima dell'ultimo giorno utile, è davvero un comportamento incosciente, almeno che, non vi fidate cecamente del vostro banchiere.




permalink | inviato da il 31/1/2006 alle 12:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (16) | Versione per la stampa

26 gennaio 2006

Linux unica alternativa?

Mi sto interessando al problema da poco, ma penso che già è troppo tardi. Ho letto su alcuni blog che Bill Gates & Co. abbiano proprio esagerato creando un sistema di alleanze di cui tutto si può dire tranne che favorisca lo sviluppo tecnologico, il libero mercato e soprattutto la privacy.

Doveva per forza esserci qualcosa che non andava, dato che l'uomo della beneficenza, per anni è stato il più ricco del mondo.

Per evitare spiacevoli sorprese come frenare lo sviluppo del software libero o trovarci improvvisamente in un carcere senza mura orwelliano, vi consiglio vivamente di abbandonare explorer in favore di mozilla, avast, etc. inoltre vi prego di non aggiornare in nessun caso xp.

Per avere più informazioni vi prego di digitare Linux o Palladium sul motore di ricerca del cannocchiale per saperne di più dal punto di vista tecnico.

Nel frattempo io comincio a studiare Linux, sarà difficile, ma sicuramente il gioco vale la candela.

Se avete qualche consiglio da darmi e da dare vi prego di non esitare a lasciare un commento.




permalink | inviato da il 26/1/2006 alle 9:53 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (9) | Versione per la stampa

24 gennaio 2006

Quando il freddo arriva...

Certo che sono tutti bravi a parlare di risparmi energetici quando ormai la frittata è stata fatta: nell'europa dell'est sono stati tantissimi i morti a causa delle temperature polari; si è registrata una diminuzione anomala, il termometro è sceso fino a -30



Penso che Scajola dovrebbe dimettersi invece di aggravare la sua situazione con queste cazzate che lo rendono ridicolo.

Sarei curioso di sapere cosa farebbe il ministro se Putin oltre a bloccare le esportazioni di gas, incentivasse i meno abbienti a trascorrere l'inverno in Italia, il paese del sole... 

Perchè non promuove una riconversione del sistema industriale sia dal punto di vista qualitativo (concessione di benefici fiscali alle aziende o alle persone che pongano in essere comportamenti sani e corretti) che quantitativo (aumentare l'imposizione fiscale di tutte quelle aziende che non producono beni di primaria necessità).

Se i boss hanno la testa così dura da non riflettere neanche davanti a centinaia di morti, allora una dura epoca sta arrivando per tutti noi ignoranti volontari, che pur non avendo mai speculato sull'ambiente e sulle persone, subiremo gli effetti più tragici che la natura è in grado di causare. 



 




permalink | inviato da il 24/1/2006 alle 12:38 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia
luglio